giovedì 30 marzo 2017

ALL'IPOTETICO LETTORE (Margherita Guidacci)




Ho messo la mia anima tra le tue mani. 
Curvale a nido. Essa non vuole altro
che riposare in te.
Ma schiudile se un giorno
la sentirai fuggire. Fa’ che siano
allora come foglie e come vento,
assecondando il suo volo.
E sappi che l’affetto nell’addio
non è minore che nell’incontro. Rimane
uguale e sarà eterno. Ma diverse
sono talvolta le vie da percorrere
in obbedienza al destino.

- Margherita Guidacci - 

4 commenti:

  1. Sono felice di leggere un altro testo di questa poetessa che non conosco, ha uno stile personalissimo, contenuti che non lasciano indifferenti. Come ho detto nel commento precedente, trovo che sia veramente brava.
    Grazie.
    Un abbraccio.
    Piera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è davvero una brava poetessa. Ha uno stile semplice e colloquiale eppure altamente poetico.
      Infiniti grazie, Piera e ancora un abbraccio
      Gio

      Elimina
  2. Quanta dolce saggezza in questi bei versi!
    franca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio come dici Franca "dolce saggezza"
      GRAZIE!
      Gio

      Elimina

Post in evidenza

QUANDO

https://secure.avaaz.org/it/petition/VORREI_CHE_IL_DIRITTO_INTERNAZIONALE_SI_ATTIVASSE_AFFINCHE_CESSI_OGNI_GUERRA_NEL_MONDO/?pv=6 Qua...